Novembre 2014

La domenica in genere era il giorno che trascorrevo, insieme alla mia famiglia, a casa della nonna materna. Che gioia per me! 

Tutto contribuiva a dare a quel giorno un carattere speciale.

Papà comprava i dolci, mi regalava “Topolino” (qualche volta le “figurine”), mamma faceva la pasta fresca, nonna il pane!

Arrivare  da nonna e sentire quel profumo delizioso era una sensazione calda, avvolgente, confortante, rassicurante…ancora mi risuonano le domande che mi uscivano spontanee:

“perché nonna hai fatto la croce sul pane? perché non lo possiamo mangiare caldo? posso averne un poco?”

Erano tempi in cui la Domenica era considerata da tutti come giorno di riposo, come giorno in cui s’interrompevano le corse frenetiche, giorno speciale in cui risuonavano le campane delle Chiese, avevano un suono speciale nel silenzio generale…

Oggi la domenica non è più così “speciale”, facciamo le cose di sempre, i negozi sono aperti, i rumori sono quelli di tutti i giorni, spesso non prepariamo più il “pranzo speciale”.

Questo pane, di cui segue la ricetta, è semplice nella preparazione e ha un sapore antico. Spero evochi anche in voi ricordi belli e doni alla vostra tavola armonia e sapore!

 

Pane "misto"

Ingredienti:

 

200 g di lievito madre rinfrescato e al massimo della lievitazione

500 g di farina “O”

500 g di farina integrale

700 g di acqua

20 g di sale fino

Procedimento:

 

Sciogliamo il lievito aggiungendo piano, piano l’acqua. Versiamo le farine, il sale ed impastiamo energicamente fin quando avremo un impasto liscio e ben lavorato, risulterà umido, leggermente appiccicoso.

Riponiamo l’impasto in frigo coperto da uno strofinaccio.

Lasciamo trascorrere circa 24 ore, poi togliamo l’impasto dal frigo e lasciamolo per circa un’ora a temperatura ambiente.

Stendiamo la pasta sul tavolo e facciamo le pieghe prima di riporre su carta forno l’impasto dando la forma desiderata.

Poniamolo in un luogo riparato per la lievitazione. Possiamo riporlo nel forno accendendo la luce per avere una temperatura costante.

 

Trascorse 1-2 ore togliamolo dal forno, accendiamo ad una temperatura di circa 250° e lasciamo ben riscaldare.Appena il forno sarà giunto a temperatura, facciamo dei tagli sul pane e inforniamo avendo la cura di riporre un pentolino con dell’acqua alla base del forno. Trascorsi circa 15 minuti abbassiamo la temperatura a 220° e lasciamo trascorrere altri 15 minuti. Abbassiamo ancora a 200° e facciamo cucinare per altri 15 minuti o comunque fin quando non ci sembrerà pronto.