Dicembre 2015

 

Questa è la mia ricetta di un dolce tipico natalizio che tanto piaceva alla mia nonna materna: i roccocò.

Un dolce semplice, pieno di ingredienti invernali e spezie profumate, che conserva nella sua esecuzione tanta tradizione…pensare che da secoli nelle cucine campane si tramandi la ricetta di generazione in generazione, mi fa venire i brividi.

Un dolce che sa di passato, di storia, di radici, di famiglia, di festa, di allegria, di Natale.

 

Roccocò

 
Ingredienti:

 

450 g di farina 

200 g di zucchero

Buccia di 1 mandarino, 1/2 arancia, 1/2 limone

10 g di pisto

2,5 g di ammoniaca

250 g di mandorle 

25 g di miele

125 g di acqua tiepida (o a metà con succo di arancio)

Un pizzico di sale

Un uovo più un tuorlo per spennellare

Due bucce candite di arancio (e altri canditi) 75 g

 

Procedimento:

 

Tostiamo le mandorle conservandole tiepide e intanto tagliamo finemente la buccia degli agrumi e a pezzetti leggermente più grandi la buccia dell'arancio candito.

 

In una capiente ciotola, o sul tavolo da lavoro, formiamo una fontana con la farina, aggiungiamo tutti gli ingredienti mettendo per ultimo l’acqua-arancio e le mandorle, tenendole alcune da parte, e impastiamo velocemente fino ad ottenere un impasto compatto.

 

Formiamo un rotolo di circa 3-4 cm di diametro e stacchiamo tanti pezzi di uguale grandezza da cui, con l’aiuto del pollice,formiamo delle ciambelle. Dovrebbero venirne circa 10

Al centro poniamo un rotolino di cartone per far si che in cottura non si chiuda il buco.

Disponiamole su carta forno avendo cura di sistemare sopra alcune mandorle (velocemente, perchè la pasta tende ad asciugarsi e le mandorle non si attaccano più) e spennelliamo con l’uovo.

 

Inforniamo per circa 20 minuti a 180° avendo cura di non prolungare troppo la cottura, per evitare che induriscano troppo.

Lasciare riposare per almeno un ora prima di mangiare.

 

Possiamo fare questo dolce anche con alcuni giorni di anticipo.