Marzo 2012

Tanti dolci ricordi, (veramente salati!) mi legano a questo piatto. Mia nonna (materna) la preparava spesso e quando capitavo lì (spesso) era lo spuntino giusto, al momento giusto!

Fin quando ha potuto esaudiva sempre questa mia richiesta...purtroppo è venuta a mancare presto, ma sono stata fortunata perché mia suocera mi ha fatto riassaporare questo piatto, proprio con gli stessi antichi sapori.... Io vi propongo la ricetta originale che ognuno potrà modificare secondo il suo gusto, togliendo qualche ingrediente forse non proprio gradito.

 

Pizza di scarole

 

 

Ingredienti:

 

Per il ripieno:

 

3 scarole

Olio extr di oliva

Sale

Una manciata di olive nere di Gaeta

Un cucchiaio di piccoli capperi

3-4 alici dissalate (se sono buone anche meno)

Un cucchiaio di uva passa

Un cucchiaio di pinoli

 

Per la pasta:

 

600 gr di pasta per pizza.

 

Ho già pubblicato la ricetta della pasta per pizze, in ogni caso vi ripeto gli ingredienti.

 

600 gr di farina “0”

320 ml di acqua tiepida

20 gr di olio extr. di oliva

10 gr di zucchero

Un lievito di birra

Sale fino circa 10 gr

 

Procedimento:

 

Mettiamo l’uvetta “a bagno” in una ciotola con acqua fredda per almeno 10 minuti. Sciacquiamo i capperi e mettiamoli in acqua per dissalarli. Togliamo il nocciolo alla olive (io le spremo con il palmo della mano su un tagliere).

Laviamo in abbondante acqua la scarola. Poniamo la verdura in una capiente pentola, saliamola, copriamo e mettiamo sul fuoco fin quando la verdura non sarà appassita.

Alziamo la verdura e mettiamola in una scolapasta a raffreddare. Strizziamola e tagliamola su un tagliere.

In una padella versiamo l’olio e uno spicchio d’aglio. Lasciamo imbiondire l’aglio, aggiungiamo la verdura copriamo e lasciamo insaporire per circa 10 minuti.

Aggiungiamo le olive, i capperi dissalati, i pinoli, l’uvetta (senza acqua), le alici salate tagliate a pezzetti e cuciniamo a fuoco basso per altri 10 minuti. Ovviamente possiamo tralasciare qualche ingrediente se non c’è gradito, spesso mi chiedono per esempio di non aggiungere le alici...Scopriamo, facciamo evaporare bene ogni traccia di acqua e verifichiamo di sale. Lasciamo raffreddare. Quest’operazione possiamo anche farla il giorno prima o anche possiamo realizzare l’intera pizza il giorno prima, perché il giorno dopo diventa ancor più saporita!

 

Non ci rimane che dividere l’impasto per le pizze in due parti, stenderle con il matterello su carta forno

e realizzare la pizza mettendo nel centro la nostra scarola,

se ci va possiamo fare qualche decorazione.

Potendo una volta terminata la pizza lasciamo lievitare per circa ‘15-20’ minuti poi spennelliamola con olio

(la pizza di queste immagini l'ho lasciata troppo tempo a livitare)

buchiamo la superfice con una forchetta,

e inforniamola a 180° per circa 45 minuti o fin quando non avrà assunto un bel colorito dorato. Sforniamo e lasciamo raffreddare prima di servire. 

 

Ricordate: se la pizza vi piace con poca pasta ricordatevi di stendere l’impasto sottile e tralasciate di far lievitare la pizza una volta terminata. 


Argomento: 19: pizza di scarole

Nessun commento trovato.