Timballo di anelletti siciliani (seconda parte)

 

 

Il giorno prima:

 

Prepariamo il nostro ragù. Soffriggiamo in olio ex di oliva la cipolla, il sedano, la carota tagliati a dadini, uniamo la carne che faremo rosolare bene.

Versiamo il vino rosso e facciamo evaporare. Aggiustiamo di sale, pepe e aggiungiamo 2 vasetti di concentrato di pomodoro un poco di acqua e 2 chiodi di garofano. Lasciamo cucinare poi aggiungiamo i piselli (prima sbollentati se sono congelati) e finiamo la cottura a fuoco lento. La salsa deve risultare “densa”. Aggiungiamo alla fine una spolverata di prezzemolo tritato finemente.

 

Prepariamo anche la salsa semplice. Facciamo semplicemente soffriggere la cipolla in olio di oliva, leviamola e aggiungiamo le bottiglie di passata. Aggiustiamo di sale e portiamo a cottura.

 

Cuciniamo la pasta prestando attenzione a lasciarla ben al dente perché dovrà continuare la cottura in forno. Condiamola con il sugo semplice e tanto basilico.

 

A questo punto non ci resta che comporre il nostro timballo. Prepariamo il ruoto spennellandolo con l’olio di oliva, poi mettiamo il pangrattato avendo cura di farlo aderire bene alle pareti. Foderiamo le pareti con le melanzane lunghe. Versiamo il primo strato di pasta, mettiamo il fior di latte tagliato a fette sottili ma larghe, la salsa del ragù, il provolone, il parmigiano e le melanzane tagliate a fiammifero. Continuiamo mettendo uno strato di pasta, altro ripieno e così fin quando non avremo finito tutti gli ingredienti. Dovremo naturalmente finire con la pasta, cospargere di pangrattato e ripiegare le melanzane. Copriamo il tutto con un piatto e riponiamo,quando la pasta sarà fredda, in frigorifero con un peso sopra il piatto.

 

No comments found.